NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

UFFICIO SEGRETERIA: Bando per l’assegnazione di contributi per sostegno ai Centri Estivi svolti sul territorio comunale da Associazioni, Società e/o Enti con sede nel Comune di Nibionno

Bando per l’assegnazione di contributi per sostegno ai Centri Estivi svolti sul territorio comunale da Associazioni, Società e/o Enti con sede nel Comune di Nibionno

Il Responsabile Area Affari Generali e Servizi alla Cittadinanza 

RENDE NOTO

che l’Amministrazione Comunale di NIBIONNO, con deliberazione di Giunta Comunale n. 53 del 23.06.2021, ha stabilito di assegnare contributi alle Associazioni, Società e/o Enti con sede nel Comune di NIBIONNO per la realizzazione di centri estivi nel Comune di Nibionno rivolti ai bambini e ragazzi nati dall’anno 2007 fino all’anno 2018, al fine di ridurre ai propri residenti il costo di iscrizione, resi molto onerosi a causa delle restrittive normative anti Covid.

ART. 1 – OGGETTO E FINALITÀ

Con il presente Bando il Comune si propone di sostenere l’associazionismo, al fine di ampliare l’offerta e le opportunità educative e ricreative per bambini e ragazzi residenti nel territorio comunale di Nibionno.

Il Centro estivo è un servizio educativo, ludico, sportivo e culturale rivolto a bambini e ragazzi di età compresa tra 3 e 14 anni nel periodo estivo di chiusura delle scuole, più precisamente dal 14 giugno 2021 al 12 settembre 2021.

Le attività dei centri estivi dovranno perseguire come primario obiettivo la socializzazione e l’aggregazione di bambini/ragazzi a lungo costretti all’isolamento forzato a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19, favorendo, in particolar modo, la realizzazione di iniziative all’aria aperta nel pieno rispetto delle linee guida ministeriali.

Nel centro estivo si deve raggiungere il giusto equilibrio tra esperienze ludiche, animazioni, laboratori espressivi, uscite sul territorio ed attività sportive, in modo tale che, pur non sottovalutando l’aspetto di servizio reso alle famiglie, l’accento sia posto sulla necessità di impiegare il tempo libero dei bambini/ragazzi in attività di progettazione, costruzione, esplorazione e ricerca, favorendo esperienze in campo pittorico, motorio/sportivo, espressivo, ludico, ambientale nonché favorendo la socializzazione, la relazione e l’integrazione con altri bambini.

Il Centro Estivo sarà caratterizzato da programmi ed attività attorno alle quali ruoterà l’organizzazione dello stesso. Le tematiche potranno spaziare fra cultura, arte, fantasia, scienza, ambiente, natura, sport, etc.

ART. 2 – SOGGETTI AMMESSI

La domanda può essere presentata dai gestori di Centri Estivi, effettuati nel Comune di Nibionno, facenti parte delle seguenti categorie:

- Associazioni di volontariato e di promozione sociale;

- Polisportive, associazioni sportive dilettantistiche e simili;

- Altri soggetti che perseguano finalità educative/ricreative e/o sportive e/o socioculturali a favore di minori;

- Società e/o Enti, ad esclusione delle Parrocchie, che svolgono attività di interesse generale ex art . 5 del D.Lgs. 117/2017.

I Soggetti gestori di Centri Estivi devono:

-   avere sede sul territorio comunale di Nibionno;

- avere disponibilità di spazi adeguati e che permettano il rispetto delle linee guida ministeriali ed eventuali modifiche che ad esse saranno apportate;

- ai sensi della normativa antimafia, avere l’insussistenza delle cause di divieto, di decadenza o di sospensione previste dall’art. 67 del D. Lgs. n. 159/2011 e successive modificazioni ed integrazioni;

- adottare le indicazioni operative finalizzate a incrementare l’efficacia delle misure precauzionali di contenimento per contrastare l’epidemia di Covid-19 contenute nelle “Linee guida per la gestione in sicurezza di attività educative non formali e informali, e ricreative, volte al benessere dei minori durante l'emergenza COVID19” approvate dall’ordinanza del Ministro della salute di concerto con il Ministro delle pari Opportunità e della famiglia del 21 maggio 2021;

-  acquisire dagli uffici competenti gli eventuali permessi e le eventuali autorizzazioni previsti e necessari per il corretto svolgimento dello stesso;

-     garantire i seguenti requisiti minimi aggiuntivi:

  • accoglienza di tutti i bambini/ragazzi richiedenti, dando la precedenza ai residenti nel Comune di Nibionno, fino ad esaurimento dei posti disponibili, senza discriminazioni di accesso;
  • accoglienza dei bambini disabili certificati ai sensi della Legge n. 104/1992 e ss.mm.ii.;
  • disporre e rendere pubblico e accessibile alle famiglie un progetto, educativo e di organizzazione del servizio che contenga le finalità, le attività, l’organizzazione degli spazi, l’articolazione della giornata, il personale utilizzato

ART. 3 – MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI

I progetti dovranno pervenire per posta elettronica ordinaria o PEC, entro e non oltre la data del 14/07/2021.

La domanda dovrà contenere:

  • Denominazione e durata dell’iniziativa;
  • Descrizione sintetica del progetto;
  • Previsione del numero degli iscritti.

ART. 4 – FORME DI SOSTEGNO DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

L’Amministrazione Comunale di Nibionno provvederà ad erogare agli enti gestori, in base ai criteri e alle modalità di cui ai successivi articoli, un contributo economico  pari ad € 100,00.= (cento/00) per ogni bambino/ragazzo residente nel Comune di Nibionno ed iscritto ad un centro estivo, fino ad un massimo di 4 settimane, mettendo a disposizione la somma complessiva massima di € 36.000,00.= (euro trentaseimila/00) attingendo dal fondo statale COVID-19.

La liquidazione del contributo avverrà previa rendicontazione da parte dell’ente gestore mediante trasmissione di un prospetto indicante per ogni iscritto il nome, cognome, codice fiscale, indirizzo e recapito telefonico oltre a copia della ricevuta di pagamento della retta di frequenza opportunamente decurtata del contributo comunale, entro il 31 ottobre 2021.

ART. 5 – CONDIZIONI PER OTTENERE IL SOSTEGNO COMUNALE

Le forme di sostegno dell’Amministrazione Comunale saranno possibili a condizione che i progetti delle Associazioni/Enti prevedano:

  • Garanzia della presenza di personale professionale o volontario, in regola con il rispetto degli obblighi e degli oneri assicurativi e previdenziali previsti dalla legge, in possesso della qualifica minima di diploma di scuola secondaria di secondo grado in ambito socio-educativo o comunque con verificate attitudini ed esperienze all’attività di animazione con bambini e ragazzi;
  • Attivazione, prima dell’inizio delle attività, di una copertura assicurativa per responsabilità civile verso terzi e per infortuni a minori ed adulti presenti;
  • Tariffa per la frequenza settimanale, autonomamente stabilita dall’Associazione/Ente;
  • Conformità delle strutture utilizzate alle vigenti normative in materia di igiene, sanità, prevenzione incendi, sicurezza degli impianti e accessibilità, documentata dal gestore;
  • Ammissione dei bambini senza alcuna discriminazione in relazione a etnia, lingua, religione, ecc.., nei limiti della capienza del centro;
  • Rispetto delle normative vigenti sulle attività rivolte a minori, in particolare quelle relative alla sicurezza sul lavoro, alla privacy, all’igiene e sicurezza degli alimenti, al contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19;
  • Impegno a rispettare il rapporto massimo educatore bambino previsto nelle Linee Guida;
  • Verifica a carico della Società, Associazione, Ente, tramite certificato penale del casellario giudiziale, di cui all’art. 25 del D. Lgs. n. 39 del 04.03.2014, emanato in attuazione della direttiva 2011/93/UE relativa alla lotta contro l’abuso e lo sfruttamento sessuale dei minori e la pornografia minorile, che sostituisce la decisione quadro 2004/68/GAI, dell’insussistenza di condanne per taluno dei reati di cui agli articoli 600-bis, 600-ter, 600-quater, 600-quater.1, 600-quinquies e 609-undecies del codice penale, ovvero l’irrogazione di sanzioni interdittive all’esercizio di attività che comportino contatti diretti e regolari con minori.

ART. 6 - MOTIVI DI ESCLUSIONE

Sono esclusi dal finanziamento:

  • i progetti pervenuti oltre la data di scadenza prevista dal presente bando. Farà fede la data di acquisizione al protocollo dell’Ente;
  • i progetti che risultano incompleti.

ART. 7 - INFORMAZIONI

Ulteriori informazioni in merito al presente bando sono reperibili presso l’Ufficio Segreteria del Comune di Nibionno – Piazza Caduti, 2 – durante i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 10,30 alle ore 12,30.

Il Responsabile del Procedimento è la Sig.ra TORRICELLI FRANCA – Responsabile Area Affari Generali e Servizi alla Cittadinanza – Tel. 031/690626 – Fax n. 031/690100 – E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

IL RESPONSABILE AREA AFFARI GENERALI

E SERVIZI ALLA CITTADINANZA

Franca Torricelli

 

municipio